HOW TO: TISANA COME SI PREPARA

HOW TO: TISANA COME SI PREPARA

 

Rilassarti ed abbassare i livelli di stress? Basta preparare una tisana. Le tisane non sono una bevanda qualsiasi. Quello della preparazione di una tisana può diventare un vero rito: un’esperienza profonda con cui prenderci cura di noi stessi più volte durante la giornata. Per sfruttare a pieno tutti i benefici per corpo e mente, puoi leggere la nostra guida tra chicche e bufale oppure scoprire i nostri consigli per preparare la tua tisana ideale.
 
TISANA COME SI FA? E SOPRATTUTTO QUANDO?
Hai due domande in testa: come e quando. Iniziamo con la risposta più importante. La tua tisana preferita non conosce orologio. Il tempo della tisana è il tuo tempo: non esiste il momento più adatto perché ogni momento è il migliore per assaporarne una. Pensare solo alla tisana per dormire è riduttivo. Esistono tisane rilassanti, tisane depurative, tisane dissetanti, tisane idratanti. E la lista potrebbe andare avanti ancora. Hai mille ragioni e altrettanti momenti per assaporarne una e solo tu sai quando ne hai più bisogno. Il trucco è imparare ad ascoltarsi. Per farlo, evoca gli aromi che gradisci di più, chiudi gli occhi e lasciati ispirare.
 
Tisane calmanti
Ti è venuto in mente il profumo succoso degli agrumi? È l’ora di rinfrescare la tua mente con una FRESH LEMON. Puoi berla calda o anche fredda, l’ideale quando la colonnina di mercurio si impenna. Arricchita con scorze di limone, è la preferita degli amanti della tisana zenzero e limone*.
Se tua mente è volata in un campo pieno di fiori e piante officinali, è il momento per te della nostra tisana HARMONY, una miscela di fiori di Camomilla, foglie di Melissa, Tiglio e Biancospino. Tutto quello che serve per staccare la spina e ripartire a mente sgombra.
Se invece la tua immaginazione è andata in un tempio zen, sei pronto per le novità: BUDDHIST MONK è la nuova tisana energizzante di Limpha. Ritenuta una bevanda sacra, i monaci buddisti la consumavano per riprendersi dagli intensi sforzi mentali e fisici a cui erano sottoposti. Di certo farà riprendere anche te!
Sei volato ancora più lontano? Potresti cimentarti con il fai da te. Attenzione però a qualche regola fondamentale…
Tisane fai da te
TISANE FAI DA TE: OCCHIO ALLE DOSI
E ora passiamo al come fare un decotto o una tisana in casa. La preparazione di una tisana calda o di infusi a freddo fai da te può sembrare semplice, ma occorre sapere che dosare bene le erbe non è compito facile. Per mixare piccole quantità di piante finemente tagliate occorre una bilancia digitale che rilevi i grammi. Attenzione al metodo italiano del “pizzico”. La stima generica del peso può essere rischiosa con le piante officinali. Anche la quantità dell’acqua non è standard e dipende dalle piante presenti nella preparazione. Se si è in cerca di relax, la preparazione di una tisana fai da te può aggiungere un po’ di stress.
TISANA COME SI PREPARA: REGOLE BASE
Per preparare delle tisane fai da te occorre tritare finemente le erbe per favorire l’estrazione del principio attivo. Le componenti delle piante officinali prescelte dovranno essere omogenee: vietato mixare parti dure e tenere. Se assumi medicine o sei affetto da qualche patologia (anche banale), chiedi al tuo medico se le piante che hai scelto possono interferire. Se sei alle prime armi, ti consigliamo di non mixare mai più di cinque piante nella stessa tisana. Diverso è se preferisci al fai da te una tisana preparata da erboristi. In questo caso, goditi serenamente il mix di piante selezionate: noi di Limpha siamo maghi del blending! In JOY per esempio abbiamo studiato una combinazione di ben nove diverse erbe e fiori che puoi consumare in tutta sicurezza. Nelle giornate in cui tutto sembra andare storto o nei momenti no, lasciati risollevare dalla nostra tisana più allegra!
 
Tisane idratanti
TEMPI DI PREPARAZIONE DELLA TISANA CLASSICA
Qualsiasi sia la tisana che hai scelto di consumare, è giunto il momento di rilassarsi. Fai bollire l’acqua e versala direttamente sulle piante officinali o sul filtro Limpha, avendo cura di coprire il tutto con un piattino. Mentre lasci riposare le erbe, sintonizzati sugli odori che percepisci e mettiti in ascolto. Il vapore trasporta le molecole odorose e il tuo naso le cattura. In fondo alla tua cavità nasale, infatti, c’è un vero e proprio “tappeto” di ciglia olfattive che si rinnovano magicamente ogni notte, nel sonno, per farci meglio sentire gli odori. Una vera magia! Inspira e goditi questo momento.
Ora che la tua attenzione è pronta a cogliere gli stimoli esterni, soffermati ad osservare i dettagli intorno a te. Guarda ad esempio il filtro della tua tisana Limpha. È piramidale e trasparente in modo da lasciarti vedere le erbe finemente tritate per te al suo interno. Ogni filtro è realizzato in acido polilattico (PLA), un materiale costituito da 100% di fibra naturale e quindi biodegradabile. Bello e buono!
 
 
filtri biodegradabili acido polilattico PLA
Sposta l’attenzione sull’orologio, ora: se sono trascorsi 3 minuti, è tempo di gustare la tua tisana.  Sempre meglio assaporare la tua tisana senza zucchero, se però preferisci smorzare il sapore e renderlo più delicato al palato, via libera al Miele, ai semi di Anice o alla Stevia!
 
Una chicca in più: se vuoi, puoi potenziare gli effetti delle erbe della tua tisana. Basta aggiungere direttamente nella tua tazza fumante degli oli essenziali acquistabili in erboristeria. Attenzione però: è raccomandata l’aggiunta di una sola goccia di olio essenziale!
 
Tisane erboristeria
COME CONSERVARE LA TUA TISANA
I nemici delle tisane fai da te sono tre: luce, temperatura e umidità. Luce e temperatura influiscono sulla degradazione dei componenti. L’umidità invece facilita la sovracrescita di microorganismi nocivi e muffe. Per questo è bene conservare le tue erbe sciolte in un luogo fresco e asciutto. Per evitarti questi pensieri e complicazioni, le tisane di Limpha sono confezionate in singole bustine salva-aroma, sigillate una ad una. Sereni tutti: nessun rischio di cattiva conservazione.
I nemici della tisana pronta invece sono due: tempo e temperatura. Ti raccomandiamo di conservare la tua bevanda in frigo in un recipiente chiuso per non più di due giorni. E poi di bere. Smisuratamente!

Post precedenti

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati, prima di essere pubblicati.